asm vigevano e lomellina s.p.a. e il progetto "Acqua per la Tanzania"

 

Si chiama «Acqua per la Tanzania» ed è l'iniziativa portata avanti dal novembre 2007 da asm vigevano e lomellina s.p.a. con la collaborazione del dott. Stefano Omodeo Zorini e di una comunità di Missionari della Consolata, che ha promosso una serie di attività finalizzate a progettare e a realizzare alcuni interventi per assicurare l'approvvigionamento idrico ad alcuni villaggi della Tanzania in condizioni di particolare disagio. L'impegno dell'azienda si è concetrato sull'individuazione e sulla valutazione di fattibilità di alcuni interventi che fossero concretamente realizzabili, in modo da destinare delle risorse (anche in termini di esperienza, uomini, materiali e attrezzature) per migliorare veramente e in modo duraturo le condizioni delle popolazioni locali.
asm vigevano e lomellina s.p.a. ha deciso di mettere a disposizione esperti e contributi per le opere da realizzare e, nel novembre 2007 ha inviato un suo tecnico, l'ing. Lorenzo Ferrandini, che, accompagnato dal dottor Omodeo Zorini, si è recato in Tanzania e, lungo un percorso di oltre 2.000 km attraverso villaggi e missioni, dal mare agli altipiani ha valutato direttamente la disponibilità delle risorse idriche, la qualità dell'acqua, quella di energia elettrica identificando i lavori ed i casi più urgenti.

 

 

A seguito di quel viaggio l'azienda ha deciso di finanziare la parte di interventi di immediata fattibilità come l'affondamento di sei pozzi superficiali a servizio di alcuni villaggi e, le indagini idrogeologiche per la ricerca di la ricerca di falde di acqua dolce in prossimità di una scuola con 600 alunni e fornire attrezzature per facilitare l'approvvigionamento idrico e la potabilizzazione dell'acqua, per un'impegno economico di oltre 10.000 euro.
Il progetto "Acqua per la Tanzania" prosegue anche nel 2008 quando il responsabile tecnico di asm vigevano e lomellina s.p.a. torna in Tanzania per verificare l'andamento dei lavori, il corretto utilizzo dei fondi stanziati e valutare nuove iniziative.